Salato Secondi piatti

Faraona in umido

La faraona in umido mi ricorda i pranzi a casa di mia nonna al’Isola d’Elba. La cucina interamente in legno era stata costruita da mio nonno, falegname. Ci sedevamo tutti assieme attorno al maestoso tavolo ovviamente di legno. Io amavo sedere accanto a mio nonno. Quando le sedie non bastavano si utilizzavano i “panchetti”, dei piccoli sgabelli. Mia nonna preparava le fettuccine o i ravioli fatti in casa conditi con il ragù, e la faraona in umido. Lei la faceva sfumata col vino, sempre bella croccante, e con tutte le ossa. Io ho voluto farla più umida, e disossarla.
Per me è un piatto che sa di famiglia, di casa e di amore. Il piatto che si cucina di domenica, e che si mangia con una bella bottiglia di vino a tavola!
faraona in umido

Faraona in umido

Ingredienti

  • 1/2 faraona
  • 80 g di pancetta dolce a cubetti
  • 2 pomodori pelati
  • 1/2 carota
  • 1 scalogno
  • 2 bicchieri di vino
  • olio
  • sale
  • peperoncino

Istruzioni

  1. Spellare la faraona e tagliarla in pezzi.
  2. Tritare la carota e lo scalogno. Tagliare i pelati in striscioline.
  3. Versare 3 cucchiai di olio in una padella e farvi rosolare fino a doratura la faraona, da tutti i lati.
  4. Aggiungere il trito, la pancetta, il sale e il peperoncino e lasciar stufare.
  5. Quando gli odori saranno morbidi, versare il vino e lasciar cuocere a fiamma media fino a quando la carne non inizi a staccarsi dalle ossa (circa 40 minuti).
  6. Togliere dal fuoco, e disossare la carne.
  7. Tagliare la carne a pezzetti e rimetterla nella padella e cuocere altri 10 minuti.
  8. Buon appetito!

You Might Also Like...

15 Comments

  • Reply
    speedy70
    8 Febbraio 2015 at 0:49

    Una splendida ricetta, per me che la faraona la cucino pochissimo, grazie!!!!

  • Reply
    Silvia Brisi
    8 Febbraio 2015 at 13:00

    Che buona la faraona Silvia, è vero, questo piatto sa di famiglia!!
    Sarà ma tra tutta questa innovazione culinaria sedersi e mangiare un buon piatto dei ricordi dà ancora più gioia!!
    Brava e buona Domenica!!

  • Reply
    Claudia
    8 Febbraio 2015 at 14:34

    Sai che forse la faraona non l’homai mangiata?? Non ricordo.. Però questa ricetta deve essere propio buona… baci e buona domenica 🙂

  • Reply
    Marghe
    9 Febbraio 2015 at 15:51

    Un’immagine delicata e davvero tenera.
    La faraona è una garanzia, rustica ed elegante allo stesso tempo. Mi piace moltissimo!
    Un abbraccio sincero

  • Reply
    alessia mirabella
    9 Febbraio 2015 at 17:15

    Quanto pane potrei mangiare con quella meraviglia lì, proprio non saprei. Probabilmente diventerei ingestibile. Una scostumata senza vergogna. Deve essere squisita… e se poi è condita di ricordi, lo diventa ancora di più. Un bacio dolce Audrey, Ale

  • Reply
    Veronica
    9 Febbraio 2015 at 17:33

    Che meraviglioso ricordo . In questo putti c’è tutto il calore e l amore della famiglia. Bravissima cara

  • Reply
    Andrea
    9 Febbraio 2015 at 21:50

    Buona la faraona! L’ho mangiata qualche volta in Toscana a casa dei miei suoceri perché a casa mia, a Roma, non la faceva mai nessuno, anche perché era difficile da trovare! Ciao

  • Reply
    vale
    9 Febbraio 2015 at 22:32

    io la faraona la uso veramente poco ma sono sicura che è buonissima così in umido!! 🙂 e poi leggere dei ricordi di famiglia,delle tavolate con tutti i parenti..è sempre bello perchè fanno tornare in mente anche a me tanti ricordi!! 🙂
    un bacio
    Vale

  • Reply
    2 Amiche in Cucina
    10 Febbraio 2015 at 19:27

    non so resistere davanti a una ricetta della nonna, sono le mie preferite, anche se rivisitate, un bacio

  • Reply
    Valentina
    10 Febbraio 2015 at 20:35

    Che bella foto che mette l’acquolina! Brava amica!!! <3 Non ho mai cucinato la faraona e credo di averla mangiata davvero pochissime volte ma posso dire di avere tanta fame dopo aver letto la ricetta! Un abbraccio tesoro! 🙂 :**

  • Reply
    Emanuela Martinelli
    11 Febbraio 2015 at 13:19

    La faraona è una carne particolare ma cavolo sia te che la tua nonna l’avete esaltata al masimo! Mi lascia a bocca aperta.

  • Reply
    Maria
    11 Febbraio 2015 at 15:44

    Wow che buona questa ricetta, già le foto fanno venire l’acquolina in bocca! E’ bello avere delle ricette che si tramandono da una generazione all’altra, lo vedo come un modo per far rivivere i ricordi e soprattutto i sapori a noi cari! Bravissima! Un bacione

  • Reply
    Tamara
    13 Febbraio 2015 at 9:21

    Se posso, anche io vorrei fare la scarpetta!!!!
    Mi piace moltissimo quando una ricetta ci riporta ai nostri ricordi.
    Un abbraccio Silvia!

  • Reply
    Paola
    9 Gennaio 2016 at 17:51

    Il vino che metti nella faraona e’ bianco o rosso?

Leave a Reply

error:

Send this to a friend